La coda lunga (The long tail) anche per le keyword e il posizionamento nei motori di ricerca

Oggi ragionavo con un cliente dei risultati di posizionamento nei motori di ricerca ottenuti dal nuovo sito che abbiamo sviluppato noi di Net Sinergy per la sua azienda e che è online da alcuni mesi.

La sua situazione di partenza (a cui abbiamo posto rimedio!) era un sito datato, assolutamente non ottimizzato per un corretto posizionamento nei mdr (aveva anche le frames!), e un servizio annuale di web marketing riguardante il posizionamento del sito per una decina di keyword.

Ci tengo a sottolineare che l’ex fornitore perseguiva l’obbiettivo tramite una serie li landing pages (a dire il vero erano delle door pages ma facciamo finta di niente!) che a insaputa del cliente (l’ha scoperto solo dopo che gliel’ho fatto notare io e ci è rimasto malissimo, per cui mi sento di dire che è stato vittima di una scorrettezza) erano inserite in domini di terzo livello di proprietà del fornitore e non ne dominio del mio cliente. Questo ha fatto in modo che il lavoro di anni sia rimasto come patrimonio all’ex fornitore e che di fatto il mio cliente abbia perso tutti gli investimenti di web marketing di anni!😦

Il nostro approccio in Net Sinergy è ovviamente completamente diverso: tutti i nostri nuovi siti vengono progettati e predisposti per un corretto posizionamento organico nei motori di ricerca. Per fare questo ci aggiorniamo giornalmente tramite i forum, i blog, le community di esperti, per cercare di dominare al meglio i fattori in-page o off-page che determinano il posizionamento nella serp.

Oltre a scrivere codice xhtml pulito e compatibile con gli standard W3C, a utilizzare correttamente i tag, a utilizzare tecniche come l’url rewriting per i nomi pagina, abbiamo acquisito sempre maggiore sensibilità e raffinatezza nel progettare i meta titolo e descrizione per ogni singola sezione/pagina del sito che è un’aspetto importantissimo ai fini di un ottimale posizionamento nei motori di ricerca. Ci tengo a sottolineare, con estremo orgoglio, che in Net Sinergy utilizziamo solo tecniche white hat seo, vale a dire quelle corrette e gradite ai principali mdr quali Google.

Tornando al mio cliente mi faceva notare che relativamente ad alcune delle 10 keyword sulle quali aveva investito sul vecchio sito avevano avuto un deterioramento nel posizionamento nella serp; cosa a mio parere non particolarmente preoccupante perchè con la messa online di un nuovo sito (nuove pagine, con nuovi nomi, titoli, descrizioni, contenuti ecc.ecc.) è normale che ci siano delle fluttuazioni nella serp, a volte positive a volte ahimè negative… e specialmente nel suo caso visto che di fatto le landing pages non puntano più al suo dominio!!!!

A parte proporre di impostare un piano di web marketing annuale per recuperare un’ottimo posizionamento per le keyword per lui più importanti, dopo aver consultato le statistiche di Google Analytics dell’ultimo mese (da metà agosto a metà settembre, quindi con 15 giorni sottotono nel periodo delle vacanze) gli ho fatto notare che:

  • il 60% delle visite al sito arrivano tramite i motori di ricerca
  • il 70% sono nuovi visitatori
  • la media delle pagine viste per visitatore unico è quasi 10!
  • il tempo medio per visita è di quasi 5 minuti!
  • le keyword che hanno generato visite al sito nel periodo di riferimento sono oltre 550!
  • analizzando le keyword gran parte di esse sono relative alla tipologia dei suoi prodotti

Questo cosa significa? Che il sito sta avendo un gran successo, sia come visibilità nei motori di ricerca, sia come accessibilità, usabilità e qualità dei contenuti visto che mediamente un utente si ferma 5 minuti consultando 10 pagine che sono numeri elevatissimi per un sito web aziendale!

Mi sono quindi appropriato del concetto della coda lunga (the long tail) che è stato creato per descrivere modelli economici e commerciali tipo Amazon dove:
“In molti casi, gli eventi poco frequenti o di bassa ampiezza – la coda lunga, possono cumulativamente superare in numero o in importanza la porzione iniziale della curva, di modo che presi tutti insieme rappresentano la maggioranza.”
per spiegare che se un sito Internet viene sviluppato per essere nativamente predisposto per un corretto posizionamento, e se questa operazione viene fatta da professionisti capaci di estendere e di sfumare le keyword o le kayfrases indicate dal cliente, si genera il meccanismo della coda lunga per cui la visibilità acquisita dal sito tramite le parole chiave di nicchia (quelle magari ricercate da singoli o comunque pochi utenti) può superare quella di parole chiave specifiche su cui si è deciso di puntare in maniera deciso.

Io credo che il raggiungimento della coda lunga sull keyword dovrebbe essere l’obbiettivo di ogni SEO e l’aspettativa di ogni cliente, perchè è sicuramente più semplice lavorare su keyword specifiche tramite pay per click e/o landing pages e/o blog e/o comunicati stampa online, piuttosto che garantire al sito visibilità con un grandissimo numero di parole chiave attinenti al business dell’azienda.

3 Responses to “La coda lunga (The long tail) anche per le keyword e il posizionamento nei motori di ricerca”


  1. 1 assauei settembre 24, 2008 alle 8:56 am

    “…erano inserite in domini di terzo livello di proprietà del fornitore e non ne dominio del mio cliente…”
    Mi permetto di farti notare che è stato un bene tutto ciò. Se Google rileva che queste sono pagine ‘fake’ le penalizza e penalizza l’interno dominio. Il modo di operare che hai descritto ha evitato una penalizzazione del sito del cliente.
    Mi interessa cmq sapere che il tuo lavoro è stato incentrato proprio sulla long tail o è stato un effetto ‘collaterale’ alla ottimizzazione delle pagine…
    Grazie
    Ciao

  2. 2 alessandrotrenti settembre 25, 2008 alle 5:53 pm

    A distanza di qualche giorno dalla scrittura del post, volevo aggiornare la sitazione relativamente alle famose 10 keyword per le quali il cliente pensava di aver peggiorato il posizionamento.

    2 effettivamente hanno perso un paio di pagine
    3 sono rimaste esattamente uguali
    5 hanno nettamente migliorato la posizione, alcune sono in prima posizione in prima pagina di google!

    quindi di fatto un sito ben fatto gli ha permesso di migliorare in pochi mesi il posizionamento rispetto alle keyword per lui più strategiche, gli permette di sfruttare la coda lunga e avere molti nuovi visitatori, di risparmiare 1.000/1.500 euro di web marketing che il precedente fornitore gli faceva pagare annualmente per spingere le 10 keyword sui suoi domini (VERGOGNA!!!😉 ahaha)

    Morale della favola? Rivolgetevi con fiducia a Net Sinergy http://www.netsinergy.it😉

  3. 3 luciano novembre 4, 2008 alle 5:30 pm

    Il cliente si e’ soffermato esclusivamente su aspetti tecnici e tu giustamente hai evidenziato che quasi sempre e’ necessario supportare gli interventi tecnici con azioni di web marketing adeguate. Il tuo post mette in luce l’importanza sempre piu’ strategica del web in un contesto aziendale ; le aziende moderne necessitano di corrette analisi e adeguete interpretazioni dei dati , di opportune pianificazioni di web marketing in funzione del mercato di riferimento e degli obiettivi di business. Ecco perche’ si consolidano funzioni si web marketing management , punto di incontro tra la direzione commerciale, quella ICT e, ovviamente, il top management. Per il resto…alla prossima puntata.. o al prossimo pain-case !!!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




RSS del blog conversiamo - Pensieri web2.0 di Alessandro Trenti e dei suoi amici

Se ti piace il mio blog puoi inserirlo nei tuoi bookmark o in siti di tagging come del.icio.us, ma poi devi ricordarti di controllare se ci sono degli aggiornamenti... se utilizzi invece gli RSS tramite un aggregatore sarai sempre informato suoi nuovi articoli che scrivo senza dover controllare sempre il mio blog.

Archivi


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: